La bolla de’ sapone

Un capolavoro di semplicità, di verità, di riflessione. Fa pensare. Tante cose al mondo sono proprio come questa leggiadra bolla di sapone, che illude perché “ride gaia, ‘ncantata”. La finale è quella di queste cose umane, che lasciano la bocca amara e il cuore vuoto.

Vola leggera, cullata dar vento,
‘na bolla de sapone
è sbucata da ‘n balcone
e ‘mo se dirigge ner firmamento.
E’ felice, è contenta
è libbera e nun lo sa
che se nun sta attenta
ar primo ‘ntoppo scoppierà.
Ve l’ho detto, è ‘na bolla de sapone
è ‘n sogno, ‘n’illusione,
lontata assai da la reartà
e come è nata, così svanirà.
Gira, traballa
nun sta ferma ‘n momento
pare ‘na farfalla
ed er vento se l’è presa pe’ divertimento.
Illusa, spensierata
vola de’ qua e de là
ride gaia, ‘ncantata
su la grande città.
E’ dorce è bella
te viè voja magnalla,
‘nvece è amara come ‘na illusione
perché se sa, è ‘na bolla de sapone.
Calma, lenta ‘nun vola più
nun è ‘na bolla de sapone
è ‘na goccia che scenne giù.

(Roma, 30 giugno 1954)

This entry was posted in Poesie. Bookmark the permalink.

2 Responses to La bolla de’ sapone

  1. SERGIO ARPOCRATE says:

    Sono felice di aver ritrovato questa bellissima poesia di Raffaella, mi riporta indietro di 60 anni quando l’ho letta ed apprezzata per la prima volta !

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>